Morosi
Mario

– Capitano Fanteria


Medaglia d'Oro al V.M. alla memoria
Durante le operazioni al colle del Moncenisio sul fronte occidentale, volontariamente assumeva il comando di reparti seriamente impegnati da un fortino nemico e, sprezzante del pericolo, sotto violento fuoco di mitragliatrici dirigeva l'attacco. Visto ritardare l'epilogo dell'azione, mentre le armi in linea neutralizzavano il fuoco, con arditissimo impulso raggiungeva con un solo fante l'accesso al fortini e, puntando la pistola e minacciando lancio di bombe a mano imponeva, approfittando della sorpresa provocata dal suo gesto temerario, la resa dei difensori. In altra azione sul fronte greco quale comandante di compagnia armi di accompagnamento, accortosi che il nemico aveva raggiunto una nostra posizione, con pronta ed energica decisione si portava alla testa di una compagnia fucilieri di rincalzo e coll'esempio del suo valore la trascinava a vittorioso contrassalto. Nell'espletamento di tale ardita iniziativa, che concorreva a volgere in fuga gli avversari superiori di nuemro ed a sventare gravi minacce, cadeva da prode. Ufficiale di elette virtù militari, sempre volontario nei rischi, nel sacrificio, suscitatore di energie e di ardimento.

Colle del Moncenisio
(fronte Italo-Francese), 22-24 giugno 1940
Altipiano di Kurvelesh (Fronte Greco), 16 gennaio 1941

Seconda Guerra Mondiale