Home page  |  Il Progetto  | 
Introduzione
 
- Prefazioni
- Il progetto
- Chi siamo
- Dedicato a ...
- Storia delle Medaglie
 
Il libro dei decorati
Storie di Decorati
Le decorazioni



 
 
Stampa/Print
Federici Fiorello

Fiorello  FEDERICI è nato a Fano il 29 Aprile 1913.   Ama il mare sin dall'infanzia e dopo aver frequentato le Elementari e le Medie vorrebbe iscriversi all'Istituto Nautico di Ancona ma particolari esigenze familiari lo spingono a "ripiegare" sulla pur importante "Scuola marittima" di Fano.  
Il diploma, conseguito al termine dei corsi, lo abilita a vivere interessanti esperienze d'imbarco ma soprattutto costituisce una valida premessa per il suo arruolamento - ventenne - nella Regia Marina .

Affronta periodi di specializzazione presso le Scuole CREMM e svolge l'impegnativo servizio militare con professionalità e competenza risultando attivo e "mobilitato" : in occasione della guerra italo-etiopica (1935-36) e durante le Operazioni Oltremare in Spagna (1936-39).  

L'entrata dell'Italia nella seconda Guerra Mondiale lo trova al comando del Dragamine "Tenacemente" con il grado di Nocchiero di 2^ classe.   Prima a Taranto e poi nelle acque della Cirenaica, l'unità opera a lungo ed in situazioni sovente assai difficili, numerose missioni di dragaggio - specie a protezione dei convogli diretti in Africa Settentrionale - la cui efficacia gli viene riconosciuta con il conferimento della prima Medaglia di Bronzo al V.M..
Rientrato alla base di Taranto, il 29 Ottobre 1942, si comporta con coraggio e generoso spirito d'iniziativa nel tentativo di risolvere una situazione di estremo pericolo, meritando la seconda Medaglia di Bronzo .

In seguito allo sbarco Alleato in Sicilia (10.7.1943), Federici è tra i molti commilitoni che travolti dall'azione nemica, non possono evitare di essere catturati e avviati ad un primo periodo di prigionia.   Periodo relativamente breve  per il nostro, poiché dopo gli eventi armistiziali del Settembre, chiede di rientrare in servizio con la Regia Marina "cobelligerante".  
Per effetto di tale scelta, la statunitense 5^ Armata gli affida il comando di un mercantile Liberty impiegato nel trasporto di materiali e derrate destinati alle retrovie dei fronti che lentamente risalgono la Penisola.   Molte le missioni "navetta" sia in Adriatico che nel Tirreno.

Dopo la guerra, tornato alla vita civile - sempre in campo marittimo - una sorte beffarda lo sorprende, specie pensando alle sue trascorse attività di dragaggio.  
E'  l' 11 Dicembre 1948, quando davanti a S.Benedetto del Tronto, si sta collaudando un motopeschereccio : l'urto contro una mina vagante non vista, provoca la tragedia.   Ben quattordici le vittime dell'esplosione.  
Tra loro anche il "Comandante" Fiorello Federici.

 

Stampa/Print
 
 Home page  |   Il Progetto


Portale delle MEMORIE
Versione elettronica del Libro dei dei combattenti decorati al Valor Militare della provincia di Pesaro e Urbino