Home page  |  Il Progetto  | 
Introduzione
 
- Prefazioni
- Il progetto
- Chi siamo
- Dedicato a ...
- Storia delle Medaglie
 
Il libro dei decorati
Storie di Decorati
Le decorazioni



 
 
Stampa/Print
Omiccioli Enzo

Il fanese OMICCIOLI  Enzo  ( "Cioli" per gli amici )  - vi era nato il 1° Giugno 1915 - prima di arruolarsi in Aeronautica, nel 1934 aveva terminato un primo ciclo di studi presso il locale Istituto Commerciale di Avviamento Professionale.  
Letteralmente "rapito" dalla passione per il volo a vela, nel 1935 lo portava a frequentare e concludere senza difficoltà il corso per Allievi Sergenti Piloti, incoraggiato anche dal noto Aviatore fanese, Ing. Serafini, esperto nell'individuare sicuri talenti da avviare ad una brillante carriera in seno all'Arma Azzurra.
Assegnato al 3° Stormo Caccia Terrestre di stanza a Torino-Mirafiori, durante il 1936 otteneva la qualifica di Pilota Militare e la promozione a Sergente. 
Breve ritorno alla vita civile, il diploma di Ragioniere e di nuovo con la Regia Aeronautica che lo richiamava in servizio (1938) destinandolo alla 155^ Squadriglia del 6° Stormo "Diavoli Rossi" schiarata sul campo di Ravenna.
In quell'anno anche la "consacrazione"  di Omiccioli ad ottimo pilota da Caccia e la promozione a Sergente Maggiore in Servizio Permanente Effettivo

I venti di guerra che, nel 1939, si facevano sempre più minacciosi imponevano anche alla Regia Aeronautica di operare adeguati movimenti di reparti in seguito ai quali una parte dei "Diavoli rossi" lasciavano gli aeroporti della Romagna per i lontani cieli dell'Africa Orientale.   Operazione che coinvolgeva anche il giovanissimo pilota fanese andato in forza alla 410^ Squadriglia Autonoma dotata di velivoli FIAT C.R.32.  

Ricorda il comandante, Cap. Ricci "...il seregente Omiccioli (appena assegnatomi) un biondissimo marchigiano, persona distinta e di buona cultura... poi dimostratosi elemento di capacità e valore eccezionali... divenuto popolarissimo, dapprima tra i suoi colleghi e poi tra il personale tutto...  dovetti difenderlo accanitamente da tentativi di trasferimento a qualcuna della altre squadriglie...".  

La 2^ Guerra mondiale iniziava per il nostro appena cinque giorni dopo il 10 Giugno 1940, quando nel cielo di Dire Daua tentava di intercettare bombardieri Bristol  "Blenheim" dimostratisi tuttavia più veloci dei FIAT . Combattimento vero, invece, l'11 Luglio quando Omiccioli, temporaneamente "prestato" alla 411^ Squadriglia, con altri due colleghi incaricati di scortare bombardieri nazionali in azione su Moyale (Kenya) era attaccato da caccia Sud-africani. 
I tre FIAT avevano la meglio abbattendo sicuramente un aereo nemico - successo accreditato all' Aviatore fanese - e costringendo gli altri ad allontanarsi.
Definitivamente in organico alla 412^ Squadriglia di base a Gondar, non mancarono ad Enzo Omiccioli le occasioni per dimostrare - nel corso di successivi combattimenti aerei - doti di abile e generoso pilota da caccia, ora ai comandi del più evoluto biplano FIAT C.R.42.   A lui attribuiti  altri quattro apparecchi avversari abbattuti ed una meritata Medaglia d'Argento al V.M..  
Sino a quel 3 Febbraio 1941, quando velivoli "Gladiator" del 1° Squadron SAAF mitragliavano a più riprese l'aeroporto di Gondar ; il Comando italiano, valutando l'eccessivo divario numerico tra gli attaccanti ed i pochi FIAT efficiente ancora disponibili, non riteneva di poter validamente contrastare l'azione nemica.  Ciò nonostante, con coraggioso slancio, Omiccioli decollava - prime solitario poi imitato da due altri "42" - ben decisi a contrastare l'azione dei Gloster guidati dai Capitani Boyle e Le Mesurier.  L'impari duello che si sviluppava vedeva alla fine il FIAT di Omiccioli, rimasto isolato, precipitare al suolo. 

Al ventiseienne asso della Caccia italiani con cinque "vittorie" all'attivo, andarono la promozione postuma a  Maresciallo di 3^ classe e la Medaglia d'Oro al Valor Militare - alla memoria - conferita con Regio Decreto del 15 Aprile 1942
Nel Luglio '41, il collega Maresciallo Giardinà, ebbe a scrivere di lui " ....giorni fa, occorrendo un pezzo di ricambio per il motore, sono stato a recuperare i resti dell'apparecchio del povero Omiccioli.  Sono stato anche a portare sulla sua tomba un mazzo di fiori a nome di tutti i componenti la 410^...". 
Più tardi (15.12.1942) con Foglio d'Ordini n.35, la Regia Aeronautica stabiliva che all'aeroporto di Fano fosse attribuito il "...nome di battesimo Enzo Omiccioli" mentre il 18 Ottobre 1970, le spoglie del giovane Aviatore tornavano - dopo ventotto anni - nella città natale per esservi inumate nel corso di solenni onoranze. Volutamente presente il "suo" comandante di allora, Corrado Ricci, ora Generale di Squadra ed in procinto di prendere i voti per ritornare in quell'Africa, mai dimenticata, nelle vesti di "padre missionario". 
Davvero sorprendentemente imperscrutabili le vie del cielo !  

Stampa/Print
 
 Home page  |   Il Progetto


Portale delle MEMORIE
Versione elettronica del Libro dei dei combattenti decorati al Valor Militare della provincia di Pesaro e Urbino