Home page  |  Il Progetto  |  contattaci
Introduzione
 
- Prefazioni
- Il progetto
- Storia delle Medaglie
- Chi siamo
- Dedicato a ...
 
Il libro dei decorati
Storie di Decorati
Le famiglie dei decorati
Ricerca avanzata
Le decorazioni



 
 
> ... / Storia delle Medaglie  
Stampa/Print
Le Decorazioni al Valor Militare


Le decorazioni al Valor Militare sono concesse ad autori di atti di eroismo militare, anche compiuto in tempo di pace.
La concessione delle decorazioni può tuttavia aver luogo solo quando l'atto compiuto possa costituire sotto ogni aspetto, un esempio degno di essere imitato.
Le medaglie d'Oro, d'Argento e di Bronzo e la Croce al Valor Militare possono essere concesse anche per imprese di carattere militare compiute in tempo di pace.   La Croce di Guerra al Valor Militare non si conferisce altro che in tempo di guerra.


Storia

Trascriviamo dal libretto edito nel 1991 (III Ed.) dal gen. (Ris) Arrigo Papini Gr. Ufficiale OMRI quanto segue: “La conoscenza del significato delle medaglie al Valor Militare è molto spesso desueta quando non è del tutto ignorata……  Sin dalle più antiche civiltà il coraggio fu oggetto di rispetto, ammirazione ed onori, anche concreti……. il perfetto ordinamento militare di Roma prevedeva ricompense di vario genere (corone di alloro, collari, falere, bracciali o armille, curnicula, (ciondoli da appendere all’elmo), premi in denaro, cariche onorifiche, sino alla massima che era la decretazione del  trionfo.
Nel Medioevo sorgono i primi ordini cavallereschi le cui insegne venivano concesse a coloro che si erano distinti nella difesa della Religione o della Terra Santa....”.
“Anche i vari Staterelli Italiani, prima del 1860, avevano dato vita a propri Ordini sulle ricompense al Valor Militare compreso fra essi lo Stato della Chiesa....”
Regno di Sardegna”:  nella notte fra il 24 e il 25 febbraio 1793, il nocchiero del Regia Marina Sarda, Domenico Millelire, contribuisce, con grande coraggio, perizia e determinazione, a respingere con gravi perdite una formazione navale Francese guidata dal Ten. Col. Bonaparte. Il Re Vittorio Amedeo III (di Savoia) a seguito di questa brillante e ardita  azione, emana Regie Patenti con le quali si prevede di premiare il Valore Militare con la Medaglia d’Oro o in subordine, di Argento da destinarsi a “bass’uffiziali” o soldati distintisi in combattimento. La prima medaglia d’Oro venne così appuntata sul “giustacuore” del nocchiero Millelire.
Era previsto che tali distinzioni fossero solo individuali ma, nel combattimento del Colle del Brichetto (Mondovì) del 1796 il comportamento del Reggimento “Dragoni del Re” fu tale da indurre il Sovrano a concedere due medaglie d’Oro al Reparto che ora ha nome “Genova Cavalleria”:  viene quindi sanzionata la possibilità di concedere medaglie collettive a Reparti o Città. L’insegna era ed è sostenuta da un nastro di seta “turchino-celeste” - Da qui il “Nastro Azzurro....”.


Descrizione

“L’insegna metallica delle medaglie al Valor Militare”  presenta sul fronte lo stemma Sabaudo  - ora lo stemma della Repubblica Italiana - con la dicitura al “Valore Militare” e sul retro una coroncina di alloro che lascia uno spazio libero nel quale viene inciso il nome del Decorato e la data del fatto d’arme.
Le Decorazioni al Valor Militare sono le seguenti :
1) OMI = Ordine Militare d’Italia
2) Medaglia  d’Oro (Au)
3) Medaglia  d’Argento (Ag)
4) Medaglia  di  Bronzo (Br)
5) Croce di Guerra al Valor Militare
6) Promozione per Merito di guerra (è rappresentata da due daghe incrociate e una  coroncina di alloro e viene portata sul petto al disopra delle medaglie e sono in Argento o a ricamo)
7) Avanzamento per Merito di guerra (M.G.), è rappresentata solo da due daghe incrociate e vengono portate sul petto al disopra delle Medaglie e sono in Argento o a ricamo.
La Promozione e l’avanzamento per merito di guerra sono entrambe assimilate alle ricompense al Valor Militare: con queste si intende premiare oltre che un importante atto di valore, anche una particolare capacità operativa in un ciclo di operazioni belliche.

Facciamo una precisazione per quanto riguarda la Croce al Valore e la Croce al Merito:

La Croce di guerra al Valor Militare”  presenta sul braccio orizzontale la dicitura “al Valor Militare”,  la sigla R.I. (Repubblica Italiana) e una daga con alloro.
La Croce al Merito di guerra” viene concessa ai Combattenti che hanno onorevolmente servito per un intero anno (ora altro periodo) di guerra in zone di operazioni o siano stati feriti in azione. Non è quindi concessa per uno specifico atto di valore personale. La Croce al Merito, simile a quella al Valor Militare, porta la dicitura “al Merito di guerra” ed è portata da un nastro con due strisce bianche e tre azzurre.

Per approfondimenti :

"Le Onoreficenze" dal sito della Presidenza della Repubblica
"Le Fonti Normative" dal sito della Presidenza della Repubblica

 

Stampa/Print
 
 Home page  |   Il Progetto  |   contattaci

PORTALE delle MEMORIE dei combattenti decorati al Valor Militare della Provincia di Pesaro e Urbino. 

Tutto il materiale contenuto in questo Portale è soggetto a diritti di proprietà ; può essere stampato solo per uso privato e  può essere utilizzato e riprodotto per altri scopi, solo previa autorizzazione dell'Istituto del Nastro Azzurro, Federazione Provinciale di Pesaro e Urbino. 

 

Continuando la navigazione si accetta che possano essere usati cookie per migliorare
l'esperienza di navigazione e a scopo statistico. Informativa completa